+39.345.1827001 info@elisabettaleon.it

VIVI ORA

Occupati del presente
piuttosto che del passato o del futuro

VIVI QUI

Occupati di ciò che è presente,
piuttosto che di quello che non c’è

SPERIMENTA LA REALTÀ

Smetti di immaginare

Smetti di pensare quando non è necessario, piuttosto

ASSAGGIA E SENTI

ESPRIMITI AUTENTICAMENTE

Al posto di manipolare, spiegare,
giustificare o giudicare

ARRENDITI

All’infelicità e al dolore, così come alla felicità e al piacere.
Non restringere la tua consapevolezza

NON ACCETTARE DOVERI OLTRE I TUOI PROPRI

Non adorare idoli

PRENDI LA PIENA RESPONSABILITÀ

Delle tue azioni, sentimenti e pensieri

ARRENDITI A ESSERE CIÒ CHE SEI

fonte: C. Naranjo, 1991, op. cit

Dott.ssa Elisabetta Leon
Psicologo Clinico

“Diventa ciò che sei” F. Nietsche

Sono uno Psicologo Clinico specializzato in counseling a orientamento gestaltico. Mi occupo di crescita personale e sostegno allo sviluppo delle competenze esistenziali, nelle varie fasi del ciclo di vita; di interventi di presa in carico precoce del disagio psichico (in particolare nei giovani adulti) e di psicotraumatologia.

Dott.ssa Elisabetta Leon

Seguo il modello di intervento della Terapia della Gestalt, a orientamento fenomenologico-transpersonale, avvalendomi di tecniche di facilitazione a mediazione corporea e di tecniche espressive.

Collaboro con la Cattedra di Psichiatria, Università Milano Bicocca, nell’area di ricerca legata a etnopsichiatria e psicologia trans-culturale. Collaboro e ho collaborato con: ASST Monza, Progetto FAMI (Fondo Asilo Migrazione Integrazione del Ministero degli Interni), Istituti Clinici Zucchi,  Nursind Monza, A.S.V.A.P. Monza, Cooperativa Lambro e Studio Metafora Milano, occupandomi prevalentemente di interventi di presa in carico precoce del disagio psichico  nei giovani adulti, di regolazione emotiva  e di gruppi espressivi a orientamento gestaltico.

Partecipo all’impegno di Fondazione Varenna per la lotta contro lo stigma, il sostegno a familiari e persone con disagio psichico, la prevenzione del suicidio e degli atti autolesivi in adolescenza e giovane età adulta, come membro del suo Consiglio Direttivo.

Nel mio percorso formativo: Programma SAT sulla Psicologia degli Enneatipi; Diploma in Counseling ad orientamento  gestaltico (CSTG -Centro Studi Terapia della Gestalt Milano), Attestato Counseling Trauma Survivor presso Victorian Foundation for Survivors of Torture (Brunswick, Vic, Australia), laurea in Psicologia e laurea in Lettere Moderne,  formazione sul Metodo Strasberg e altre tecniche teatrali.

La Terapia della Gestalt

“Bene e male sono risposte dell’organismo”
(F. S. Perls)

La Terapia della Gestalt, fondata da F. S. Perls e collaboratori (L. Perls, R. F. Hafferline e P. Goodman)  nel XX secolo, si inscrive nell’alveo delle terapie umanistico-esistenziali a orientamento fenomenologico.

Si fonda sulla fiducia nell’autoregolazione organismica, cioè sulla capacità innata di ogni organismo sano di percepire i propri bisogni, mobilizzare  e orientare le risorse, arrivare alla soddisfazione degli stessi e all’appagamento che ne deriva, per poi tornare in uno stato di quiete indifferenziata, cioè di ritiro, che prelude all’emersione dallo “sfondo” in “figura” (primo piano) di un nuovo bisogno. La nevrosi, la patologia, la sofferenza esistenziale, secondo tale modello, nascono da “blocchi” al naturale fluire del processo di autoregolazione organismica, dovuti a coazione a ripetere di schemi comportamentali cristallizzati (sostenuti da fissazioni emotive e cognitive), spesso di origine evolutiva. Tali blocchi si manifestano come perturbazioni dell’equilibrio al confine di contatto fra il sé (IO) e l’ambiente (TU). Da ciò deriva l’importanza, in Terapia della Gestalt, della dimensione maieutica, esperienziale e creativa dell’incontro terapeutico, come occasione di:

– consapevolezza (sensoriale, emotiva e cognitiva), momento per momento, al confine di contatto di sé con l’altro, di “come” si presentano i blocchi e interruzioni alla naturale capacità di autoregolazione organismica; ovvero di recupero della capacità di sperimentare

– responsabilità, cioè capacità di riconoscere le proprie risorse e sperimentare nuove soluzioni come protagonisti delle proprie scelte esistenziali

In particolare nell’approccio della “Gestalt Viva”, sviluppato da  C. Naranjo, psichiatra e psicoterapeuta cileno, (già docente presso l’università di Berkley e fondatore del Movimento SAT, per lo sviluppo del potenziale umano), il lavoro di ricerca è focalizzato sull’apertura alla libertà e sul recupero dell’equilibrio trinitario tra azione, emozione e pensiero (corpo, parola e mente) nella sua valenza trasformativa, a livello individuale e sociale. Il percorso psicologico e di sostegno alla crescita personale che ne consegue, promuove lo sviluppo di un’attitudine esistenziale alla trans-personalità, dimensione in cui ogni scambio esistenziale avviene e si significa: cioè il recupero di attitudini all’autenticità, alla benevolenza, alla compassione, alla gioia compartecipe, all’equanimità e la pratica del non-attaccamento, come parti dell’inclinazione amorevole e gioiosa dell’essere-nel-mondo, rispetto a quella di dolore esistenziale e frammentazione, generata dalla nevrosi dell’essere-del-mondo.

Area Prevenzione.
Benessere psicologico e realizzazione di sé

“Il tetto si è bruciato. Ora posso vedere la luna”
(Mashaide)

La psicologia svolge un’importante funzione nel quotidiano: permette di apprendere stili emotivi, cognitivi e di comportamento funzionali a renderci più consapevoli e responsabili nelle scelte, più flessibili nell’attuarle e maggiormente empatici nella relazione con gli altri.

Intraprendendo un percorso di consulenza psicologica è possibile avviare un processo di cambiamento personale, orientato ad accrescere le proprie competenze esistenziali, rispetto alle seguenti aree (C. Ryff):

  • Accettazione globale di sé (sia in termini di “punti di forza”, che di “punti di debolezza”)
  • Autonomia (capacità di autodeterminare e autoregolare le proprie scelte)
  • Scopo nella vita (prospettiva esistenziale)
  • Padronanza ambientale (capacità di intervenire sull’ambiente rendendolo più in sintonia con se’)
  • Relazioni positive (capacità di stringere e mantenere relazioni basate su fiducia, amore ed empatia)
  • Crescita personale (capacità di sviluppare continuamente il proprio potenziale umano)

così da raggiungere un maggior livello di  realizzazione di sé e di benessere soggettivamente percepito.

In questo percorso, lo psicologo affianca maieuticamente il paziente durante i colloqui, favorendo il processo di potenziamento di:

  • autostima e autoefficacia
  • assertività
  • affettività
  • competenze di regolazione emotiva e degli impulsi
  • competenze sociali e di comunicazione

Area clinica
Identità oltre la frammentazione

“Ciò che noi chiamiamo “normale” è prodotto di repressione, negazione, scissione, proiezione, introiezione e altre forme di azione distruttiva sull’esperienza”  (R. Laing)

Il disagio psichico rappresenta un grave fattore di sofferenza, ritiro e disabilità, ancora legato a discriminazione e stigma, sia  a livello inter-individuale che intra-psichico. Consultare lo psicologo permette un tempestivo riconoscimento e presa in carico della propria sofferenza psichica, prevenendo aggravamenti o cronicizzazioni della stessa e il rischio di una completa identificazione di sé con la propria sofferenza mentale.

La presa in carico clinica favorisce:

  • il contenimento e/o il miglioramento della sintomatologia, (facilitando il lavoro in rete con altre figure professionali eventualmente coinvolte nel processo terapeutico come psichiatra, educatore, assistente sociale, etc.)
  • la rimobilizzazione delle risorse personali integre
  • il rinforzo delle aree di funzionamento deficitarie che generano sofferenza nel funzionamento individuale o relazionale
  • l’integrazione del proprio disagio psichico all’interno di una rappresentazione più ampia di se’, così da allargare il proprio orizzonte esistenziale, oltre la malattia

Attraverso interventi di:

  • diagnosi
  • sostegno e psicoeducazione
  • abilitazione
  • riabilitazione

Area formazione

“l’autoconsapevolezza e l’autoconoscenza […] sembrano provviste di una certa contagiosità. È uno dei fattori operanti nei gruppi terapeutici […] Lo stesso dicasi dello sviluppo di un sano amore di sé, senza il quale la compassione diventa ipocrisia”
(C. Naranjo)

Gruppi esperienziali di potenziamento delle competenze  di comunicazione
(per professionisti della relazione d’aiuto)

Molti professionisti, che operano nell’ambito della relazione d’aiuto (quali ad esempio, docenti, infermieri, educatori professionali, assistenti sociali, avvocati etc), si trovano, nello svolgimento quotidiano delle proprie mansioni, ad affrontare situazioni complesse, in termini relazionali ed emotivi.

Potenziare e consolidare competenze nell’area della comunicazione, quali gestione dei conflitti, ascolto empatico, congruenza espressiva etc., attraverso il lavoro personale in setting di gruppo, aiuta a  salvaguardare il proprio benessere psicologico, prevenendo l’accumulo di distress e a rendere più efficaci i propri interventi con  i soggetti a cui sono orientate le prestazioni professionali.

Sono attivi, in ambito di potenziamento delle competenze di comunicazione, per le professioni della relazione d’aiuto, i seguenti gruppi di lavoro:

  • la relazione di comunicazione col gruppo classe e con i genitori (per docenti)
  • la relazione di comunicazione con il paziente e i familiari (per  operatori sanitari ed educatori)
  • la relazione di comunicazione con il cliente (per professionisti  dell’area legale)

    Per informazioni su questa attività scrivere a: info@elisabettaleon.it

Servizi e Contatti

“Quando non si fa nulla in presenza dell’altro, può accadere tramite lo sguardo, qualcosa di cui non eravamo alla ricerca”
(C. Naranjo)

Si effettuano:

  • Area prevenzione: Percorsi di sostegno psicologico al benessere e alla realizzazione di sé
  • Area clinica: Percorsi diagnostici, abilitativi e riabilitativi
  • Area formazione: Percorsi di potenziamento competenze di comunicazione e tutela del benessere psicologico in ambito professionale

Gli interventi si svolgono sia in setting individuale che di gruppo

Contatti:

Gestalt Experience – Dott.ssa Elisabetta Leon

Psicologo Clinico (Iscrizione Ordine Psicologi Lombardia n. 23599)
Via Porta Lodi 12 – 20900 Monza

Per maggiori informazioni o per fissare un colloquio:
Email: info@elisabettaleon.it
Tel. +39.345.1827001

Calendario

 

 

  • Gruppo di consulenza psicologica a orientamento gestaltico

    Intraprendendo un percorso di consulenza psicologica di gruppo è possibile avviare un processo di cambiamento personale, orientato ad accrescere le proprie competenze esistenziali, rispetto alle seguenti aree (C. Ryff): Accettazione

    31 Gennaio @ 6:30 pm - 8:30 pm